Monthly Archives: ottobre 2005

Riso Carnaroli di Baraggia Biellese: una pannocchia.

Carn_part_pannocchia

Continue reading

Riso Apollo: pannocchie

Apollo_pannocchie

Continue reading

Inizia la mietitura del riso Apollo.

Dopo 6 giorni di pioggia sabato 8 ottobre riprende la mietitura.

Inizio_tgl_apollo

 

 

Continue reading

Riso Carnaroli di Baraggia Biellese: Pannocchie

Carnaroli_pannocchie

Continue reading

Riso Carnaroli e Monte rosa.

La foto illustra l’appezzamento denominato “Gioncolino” coltivato a riso Carnaroli. In alto si può osservare la maestosità del Monte Rosa.

Carnaroli_e_mrosa

 

 

Continue reading

L’aspetto della risaia dopo 6 giorni di pioggia/2

Dopo 6 giorni di pioggia l’acqua è tornata in risaia, ed ostacolerà notevolmente le operazioni di mietitura. Il riso è sempre Carnaroli, che è pronto per il taglio.

8_10_carn_ris_all

 

 

 

Continue reading

L’aspetto della risaia dopo 6 giorni di pioggia/1

Il Carnaroli, oltre ad essere il riso più pregiato, è anche uno dei più belli da vedere in campo.

Carnaroli_foglie_b

 

 

Continue reading

Meteo: dopo 6 giorni di pioggia.

8_10_5_mucrone Dopo sei giorni di pioggia forse riprende la mietitura. Le vicine alpi biellesi, sono già innevate.

Continue reading

Varietà di riso: alcune precisazioni.

Dalla cronaca di Vercelli su La Stampa di mercoledì 5 ottobre, apprendo che in una riunione interlocutoria per il progetto “Igp Riso Valle del Po” è emersa la necessità di cancellare dal disciplinare di produzione le indicazioni varietali, a causa dell’instabilità genetica delle varietà di riso. Si afferma inoltre che dopo un certo periodo di tempo le varietà di riso decadono.

 

Ritengo inesatto questo concetto, in quanto una varietà di riso se ben selezionata (selezione conservatrice) può durare secoli.

 

A scanso di equivoci faccio alcuni esempi:

 

- Riso Balilla, riso tondo coltivato sin dal 1929, di grande qualità, è costantemente tra i risi più produttivi.

 

- Riso Arborio, storica varietà, in grado di produrre in modo elevato. Ad Arro di Salussola, nella Baraggia Biellese, un tenace produttore di Arborio ha prodotto unitariamente nel 2005 anche 68 qli per ettaro (documentati).

 

- Riso Carnaroli, storico e qualitativamente il migliore. Risale agli anni 40.

 

- Riso Sant’Andrea, storico della Baraggia e altamente produttivo. Risale ai primi anni 60.

 

Questi esempi dimostrano che molte varietà storiche, se opportunamente conservate in purezza, non decadono affatto, anzi, oltre a rappresentare il fiore all’occhiello della risicoltura italiana, sono anche tra le più produttive.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continue reading

La mietitrebbiatrice New Holland TX 36

Acquistata da mio padre nel 1992, la mietitrebbiatrice New Holland modello TX 36, potente e produttiva, miete i 2/3 della superficie aziendale.

Gialla1

Continue reading

L’impianto di essiccazione: il pulitore del verde.

Il riso prima dell’essicazione, viene ripulito grazie ad un semplice pulitore per cereali da alcune impurità, come semi di infestanti (giavone) e frammenti di paglia. Il pulitore, oltre a setacciare per dimensione il riso, separa per aspirazione le parti leggere (ex cariossidi vuote).Pulitore_verde

Continue reading

L’impianto di essiccazione: la fossa del verde.

Il riso proveniente dalla mietitura viene rovesciato in un’apposita fossa, da dove una coclea lo porta al pulitore.

Fossa

Continue reading

L’impianto di essiccazione del riso.

In questo periodo, in tutte le aziende risicole, si sentono girare giorno e notte gli impianti di essiccazione. Il riso raccolto in campo, presenta alti livelli in percentuale di acqua (anche oltre il 20%). Le operazioni di essiccazione servono per ridurre l’umidità del riso, fino a valori intorno al 13 – 14%. L’impianto nella foto, acquistato nel 1999, è capiente e funzionale.

Essiccatoio_ric

 

 

 

Continue reading

La mietitrebbiatrice Laverda: la barra falciante.

Nella foto, un particolare della barra falciante.Laverda2_1

Continue reading

La mietitrebbiatrice Laverda: il posto guida.

Come si può notare nella foto, il posto guida è scoperto. Ai tempi  dell’acquisto (1982) molte mietitrebbiatrici non erano dotate d i cabina, perché riduceva molto la visibilità. Le cabine moderne garantiscono invece una notevole visibilità. L’inconveniente principale dovuto all’assenza della cabina, sono le polveri che si liberano dalla barra falciante in quanto sono notevolmente fastidiose e provocano prurito.

Laverda3_1

Continue reading

La mietitrebbiatrice Laverda M152 R

La foto illustra la mietitrebbiatrice Laverda M152R, acquistata da mio padre nel lontano 1982 ed ancora perfettamente funzionante e mediamente produttiva. Si tratta di una macchina decisamente solida, di concezione italiana. Erano altri tempi, ora ci scordiamo macchine così longeve. Ad utilizzarla sono quasi esclusivamente io.

Laverda_1521

Continue reading