Risotto agli Scampi. Trebbiano D’Abruzzo D’ugni.

risotto-scampi-19apr08.JPG
risotto-scampi-19apr08_10.JPG
risotto-scampi-19apr08_5.JPG
La grande affinità fra crostacei e risotto è un punto cardine delle preparazioni a base di riso e prodotti ittici. Gli scampi in particolare possono conferire un sapore incredibile che va sfruttato sia per la soda e delicata polpa della coda che per la preparazione del brodo, raffinato e gustoso.
risotto-scampi-19apr08_2.JPG
risotto-scampi-19apr08_7.JPG
risotto-scampi-19apr08_6.JPG
Il brodo si prepara utilizzando i carapaci e le chele degli scampi a cui si è prelevata la polpa della coda da aggiungere a pezzi durante la cottura del risotto. Per il risotto agli scampi il brodo deve risultare leggero e delicato. Per la preparazione del risotto si soffrigge un po’ di cipolla in olio extra vergine di oliva, si fa tostare il riso Carnaroli, si aggiunge vino bianco, si fa sfumare e si porta a cottura con il brodo di scampi. A metà cottura si aggiunge la polpa degli scampi a pezzetti. A parte si fanno saltare in padella altri scampi (almeno 2 per porzione) con olio extra vergine di oliva, aglio e prezzemolo.
risotto-scampi-19apr08_9.JPG
risotto-scampi-19apr08_4.JPG
Completata la cottura si aggiunge al risotto il sugo di scampi preparato a parte, utilizzando questi per guarnire il piatto.
risotto-scampi-19apr08_8.JPG
risotto-scampi-19apr08_11.JPG
Per questo risotto ho utilizzato il nostro riso Carnaroli di Baraggia Vintage 2006, invecchiato un anno. In abbinamento ho servito l’ottimo Trebbiano d’Abruzzo D’Ugni di Cristiana Galasso che ha completato in modo notevole questo strepitoso risotto.
risotto-scampi-19apr08_3.JPG
risotto-scampi-19apr08_12.JPG

6 risposte a “Risotto agli Scampi. Trebbiano D’Abruzzo D’ugni.”

  1. Mi perdoni monsù Zaccaria ma devo dissentire sul vino che lei ha scelto per questo abbinamento. In passato in occasione di una fiera ho avuto modo di degustarlo e a mio giudizio mancava di corpo.

  2. Stappata ieri sera una bottiglia del Trebbiano d’Abruzzo 2005 di D’Ugni. Vino straordinario per integrità, classe, personalità, piacevolezza. Chi l’ha superficialmente giudicato carente di corpo é, a mio avviso, privo di cultura del vino. Rimandato a settembre, anzi bocciato e ripassi e soprattutto parli quando avrà imparato a riconoscere un grande vino, come questo di Cristiana Galasso

  3. Grazie Carlo!
    E per la difesa e soprattutto per l’abbinamento ad un cotal risotto.

    Sig. Ziliani, mi rallegro che questo caldo l’abbia portata a stappare quella bottiglia. Sono convinta che ogni cosa accada al suo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *